Curling Club Dolomiti

L’ORO SFUMA PER QUESTIONE DI CENTIMETRI – IL TEAM CONSTANTINI S’INCHINA ALLA SVIZZERA MA E’ VICE CAMPIONE D’EUROPA!

L’ORO SFUMA PER QUESTIONE DI CENTIMETRI – IL TEAM CONSTANTINI S’INCHINA ALLA SVIZZERA MA E’ VICE CAMPIONE D’EUROPA!

Stefania, Giulia, Marta, Angela ed Elena tornano dalla Scozia con un argento al collo. Il giusto coronamento per un campionato europeo giocato da assolute protagoniste e chiuso con un pizzico di rammarico. Questione di centimetri, che nel nostro sport purtroppo sono preziosi, fondamentali. L’oro sfuma all’ultimo tiro dell’ultimo end con l’Italia che si arrende alla Svizzera, campione del mondo in carica ed ora anche sul tetto d’Europa. Finisce 6-5 la finale dei campionati europei che si sono tenuti ad Aberdeen, ma per le azzurre è un argento che vale come un oro.

Arriva la quarta medaglia nella storia del movimento italiano e viene eguagliato il miglior risultato di sempre ad un Europeo. La formazione del nostro curling club, capitanata dalla campionessa olimpica del doppio misto Stefania Constantini. Accanto a lei una first di assoluto rispetto e qualità, la classe 2003 Giulia Zardini Lacedelli, come second una Angela Romei che si è resa protagonista di uno dei suoi migliori tornei in maglia azzurra, come third la preziosa nuova arrivata Elena Mathis ed infine l’alternate Marta Lo Deserto, capace di soffrire dalla panchina insieme alle sue compagne. In panchina coach Violetta Caldart, guida e faro di questo gruppo, assistita da Claudio Pescia e Marco Mariani.

Sabato mattina è andata in scena una finale molto equilibrata, con le nostre ragazze sotto 5-3 nel nono end che la riaprono grazie a due punti importantissimi. Nella decima mano le azzurre costruiscono il gioco alla perfezione ma all’ultima stone Paetz rovina tutto, trovando un hit and roll preciso al millimetro che sposta dal centro la stone azzurra e piazza di un soffio quella elvetica a punto. Poco importa, perchè le emozioni sono tante così come la gioia di una squadra che ha solo rimandato l’appuntamento con la vittoria.

LE DICHIARAZIONI DELLE PROTAGONISTE

Stefania Constantini (skip) –“Una finale difficile da commentare. Abbiamo fatto una grande gara contro una squadra molto forte. Loro si sono comportate proprio da campionesse, ma allo stesso tempo sono molto orgogliosa del nostro cammino, siamo cresciute partita dopo partita e le ultime due sfide sono state le migliori”.

Violetta Caldart (coach) – “Un pizzico di amaro in bocca rimane, averla persa così, per pochi centimetri, sicuramente non è una cosa facile da digerire. Devo fare i complimenti alle ragazze, perchè questo è un grande risultato frutto di tanto lavoro e di una settimana giocata ad altissimo livello. Abbiamo chiuso una prima parte di stagione di assoluto spessore, ho sempre creduto in questo gruppo e nelle potenzialità che quiesta squadra ha. Pressione? Credo che non ce ne sia poi tanta, forse deriva più dal fatto che giocheremo in casa le prossime Olimpiadi, ma il gruppo sa concentrarsi sugli obbiettivi che vengono posti. Penso sia un peccato che queste partite non vengano trasmesse in chiaro Italia, purtroppo nonostante i risultati l’interesse su questo sport è ancora limitato”.

Marta Lo Deserto (alternate) – “Certamente avrei voluto giocare, ma allo stesso tempo da fuori ho potuto vedere che siamo una squadra forte e che se la può giocare con tutti. La finale è stata sofferenza pura, soprattutto negli utlimi tiri. C’era molta tensione, peccato non sia finita nel migliore dei modi. Credo si possa migliorare nell’approccio alla partita, comunque questo Europeo ci da la consapevolezza che siamo una formazione forte, che possiamo puntare sempre più in alto. Gli stimoli sono tanti”.

Info sull'autore

luca_de_michiel editor

error: Content is protected !!